Fidati di me quando hai paura

L’ultimo giorno che stavamo a Bangkok abbiamo deciso di visitare un mercato locale, non un mercato turistico, un mercato con i Thai veri, con vestiti di taglia Thai, con cibo non turistico. C’erano una cosa come 35000 bancarelle, siamo arrivati di buon mattino e c’era già un odore acre di fritto con l’olio andato a male, di seppia secca da mesi e di tombino. Scarafaggi quel giorno non ne ho visti ma credo fosse solo perchè era giorno. In quel mercato ho fatto l’acquisto più bello del mio periodo lì, ho preso i due quadri coi gatti.  Nonostante i 40 gradi che all’interno si percepivano come 60 è stato uno dei giorni più belli in assoluto. L’ altra ragazza che viaggiava con noi aveva fame, non mangiava da due giorni, a parte le colazioni a base di frutta e voleva mangiare. Siamo usciti dal mercato, abbiamo preso un tuk tuk e abbiamo chiesto di portarci al più vicino mac donald. Il ragazzo alla guida è partito subito, poi ha iniziato a dirci che al mac donald il cibo era male e che lui aveva gli amici col ristorante che si mangiava tanto bene, che i suoi amici il ristorante lo avevano anche più vicino del mac donald e che avremmo pagato meno anche la corsa in tuk tuk. Il suo amico aveva un buon ristorante di pesce. La nostra amica aveva bisogno di mangiare da mac donald. Tutti e quattro abbiamo iniziato a preoccuparci, sapevamo come si stavano mettendo le cose, sapevamo che lui ci avrebbe portato davanti al ristorante dell’amico, sapevamo che l’amico ci avrebbe trascinati dentro e sapevamo che saremmo scappati fuori e che avremmo dovuto cercare un altro tuk tuk. Io ero stanca, la mia amica aveva la debolezza addosso. Il Capitano era rassegnato. L’altro ragazzo, il nostro amico era scocciato. In quel momento, guardando negli occhi della mia amica mi sono tuffata in un ricordo. Non ero in tuk tuk, ero in una lurida macchina grigia. Non ero con loro, ero con la mia amica Rachele. Non cercavo di andare al mac donald, provavo ad andare all’area city, in autostop di sabato notte a 15 anni. Quello che ci aveva raccattate ha tirato fuori l’uccello dai pantaloni. Ho guardato la mia amica negli occhi, è stata una frazione di secondo "Mettilo via! SUBITO" e lui lo ha messo via e ci ha portate all’area city e quando siamo scese dalla macchina lei ha vomitato e io mi sono messa a frignare. Poi lei mi ha detto "Grazie, ero in paralisi" e io ho preso il burrocacao che avevo in tasca e l’ho scagliato lontano. Tornata nel tuk tuk mi avvicino all’orecchio dell’autista "I have to go to Mac donald, drive me to mac donald or I will not pay AT ALL" con l’inglese più sbagliato ma più chiaro possibile. Ci porta da Mac donald, pago io la corsa, sono 150 baht -3 euro, gliene do 200 e lui mi dice che ci aspetta fuori per un pochino, sino a che non è sicuro che vogliamo davvero mangiare li! Io mi chiudo nel bagno e mi metto a frignare, la mano alla tasca, il burrocacao è sciolto.

Annunci

63 commenti

Archiviato in thai file, unforgettable

63 risposte a “Fidati di me quando hai paura

  1. madonna… io gli avrei fatto 2 mosse di moaitai, anche se non le so.

  2. Strato2006

    Dici che non voleva solo portarvi a mangiare dai suoi amici? Io non c’ero quindi lo sai tu …

  3. Il Thai voleva portarci a mangiare in un ristorante dove noi non volevamo mangiare!

  4. chi vuole andare a mangiare dal mc donald, merita di frignare.
    stavolta sono irremovibile.

  5. Strato2006

    Ok è capitato pure a me in Turchia, e pure nel nostro Sud, ma spaventarsi … ripeto io non c’ero, per carità, ma un conto è un wurstel, un conto è quell’altro tipo di wurstel …

  6. Strato2006

    Ah, ZiaCassie, provi ad andare in una qualsiasi località turistica extraeuropea e bere acqua da una fontana o un rubinetto … vedrà come rivaluta McDonald’s …

  7. non posso, e’ contrario ad ogni mio principio.
    mai messo piede e visto il trattamento riservato al cibo.

  8. eh strato, non c’e’ bisogno per evitare il colera di farsi venire il cancro.

  9. “La nostra amica aveva bisogno di mangiare da mac donald”

    lei sa di aver detto una cosa che non ha fondamento alcuno.
    sono d’accordo sul resto del post, perche’ la conosco e orami capisco, ma questa e’ una puzzonata.
    lei ne fa una questione di principio, ma da li’ ad avere bisogno di mangiare….

  10. eh non l’ha conosciuta…diciamo che le mancava un po’ di adattabilità.

  11. comunque mica ero io che volevo andare al mac…io mangiavo thai!

  12. lei porta avanti questioni di principio e fa bene, ma chi era alla fine che non si adattava?
    io so che non riuscirei mai a capire. sa quando le dico che mai andrei… non perche’ non mi piacerebbe, ma perche’ so che per me sarebbe difficile capire certi meccanismi, ma anche ragionare con la mentalita’ del turista in certi luoghi non mi piacerebbe, mi sto arrotolando…ma lei sta capendo cosa le sto dicendo?
    ho l’impressione di non essere in grado di spiegare cio’ che voglio dire.
    sono rintronata stamattina.

  13. Strato2006

    Complimenti ZiaS, il Suo ragionamento fila … come una barca da coppa america, forse anche con qualche NODO in più!
    Cmq non parlavo del colera, ma del cosiddetto sguarauss … e il Macdo (come lo chiamano a Losanna) non sarà un vero ristorante, sarà pure da boicottare … ma non fa venire il cancro, suvvia! E’ più cancerogeno passeggiare in centro città, purtroppo …
    Anch’io avrei mangiato thai, mi piace provare cucine nuove.

  14. Non credo di aver capito infatti. il mio punto non è tanto un principio, è solo un ricordo che scatena un altro ricordo…tutto qua. Poi Zias, in verità non è che avessi la pelle d’oca ad andare al mac d. di bangkok di sabato pomeriggio alle 4, se ci mette anche che avevo la pancia piena ha tutto il quadro, ma se una persona che viaggia con me ci vuole andare io ce la porto.

  15. non ci ho mai messo piede, ma solo passare davanti l’odore che esce mi fa venire il vomito.
    io neppure mangio cibi congelati e se posso neppure in scatola. lo so che viviamo in un modo dove anche andare a comprare al mercato rionale non ci mette al riparo. ma cerco almeno, per quanto in mio potere, di evitare.
    se il cibo fosse decente, pensa che dovrebbereo regalare giocattolini per convincere i bambini a mangiarlo?
    migliaia di bambini non mangiano l’hamburger fatto dalla mamma, magari preparato con la carne di prima scelta, macinata da lei stessa, e cotto con l’olio buono, ma mangiano la carne in quel post che e’ un baraccone, un modo che non rispecchia il nostro modo di cibarci, di vivere. certo lo so, ci vanno tutti, e allora poi non meravigliamoci di tante altre cose.
    ma un buon panino di pane piu’ vicino a quello vero, con la mortadella (il piu economico dei salumi) pensa sia cosi’ impossibile da far mangiare a un bambino?
    mi sento dire, a chi porta i bambini, che li porta, perche’ ci vanno i compagni, o perche’ ce li portano prima di andare a casa, a fare merenda, le vedo le mamme con le coca cola giganti sui bus, e le confezioni di patatine fritte, e il regaluccio nell’altra mano.
    arrivate a case, neppure pensano a cucinare una cosa sana. ma di che cosa stiamo parlando? devo difendere il cibo da un carrozzone?
    alla tv si vedono gli spot delle minestre di verdura surgelate.
    ma e’ veramente cosi’ difficile cucinare un po’ di minestra con la verdura fresca?
    non sto parlando delle merendine (sono sempre esistite) o dei succhi di frutta.
    carne di chissa’ quale provenienza, e coca cola.
    ecco questo e’ il futuro dei vostri figli (dico vostri, perche’ io non ne ho).
    e poi parliamo di un altro mondo e’ possibile?
    poi facciamo la raccolta diffrenziata e ci lamentiamo degli imballi da smaltire?
    stiamo sbagliando tutto.
    tutti.

  16. Beh, direi che gli autisti ci hanno provato entrambi.

    (pessimissima battuta, picchiami! oggi accetto di tutto)

  17. Zia Cassie, i miei figli non lo chiedono più di andare al macd. Loro lo chiedevano, lo desideravano, più per il regalino che per il cibo, pensavano di essere dei paria, incompresi da una mamma cattiva. E io un giorno li ho accontentati e li ho poi anche costretti a mangiarselo, l’eppimil!
    Non me lo chiedono più!

  18. Zias…boh, davvero non so cosa risponderle, avessi fatto un post su quanto è importante avere un mc donald a portata di mano in oriente capirei meglio il suo commento. Così mi sembra che lei stia attaccando una cosa che io non sto per nulla difendendo.

  19. ecchepalle co sti cazzo di principi…

    io al merdonald ci andavo quasi ogni giorno a londra… l’alternativa era morire di fame visto che non potevo permettermi altro.

    che poi voglio dire… con la cucina thai, piccante dappaura, uno rischia pure di morire di emorroidi…che e’ poi pure una morte dolorosissima.

  20. Capitana, il suo post è proprio bello. E, conoscendola bene (abbastanza, insomma) lo so che riesce a tirar fuori palle incredibili in situazioni impensabili. E che solo dopo “somatizza”.
    Per fortuna non ha dovuto sfoderare anche l’uncino con il tuk-tuk… (mentre l’altro se lo sarebbe proprio meritato! bastardo)

    Quanto al McD, a me non dispiace una tantum, mangio meglio di solito, ma ogni tanto qualche sana schifezza puteolenta e grassa (e già pronta!) mi soddisfa – anche se preferisco Burger King – che è più “vaccoso” ancora. Tanto di qualcosa bisogna pur morire, prima o poi (vabbé, POI)

  21. Grazie MomY…un gran bastardo in effetti!

  22. PS: ziaS, si calmi, per favore! A casa mia si mangia il minestrone di verdura con la verdura surgelata. E il tempo di usare quella fresca NON ce l’ho e manco riuscirei a trovarlo e, mi pare che almeno tre generazioni di familiari stiano benissimo. Non facciamo di tutti i cibi un minestrone… suvvia!
    Mi sembra di sentire la mamma di un amico che è contraria alla pentola a pressione perché dice che fa male… (sì, fa male se ti esplode in casa).

  23. Brava.
    Su Macdonald condivido quanto detto dall’anonimista, a Londra ho mangiato sempre quasi solo esclusivamernte da Macdonald’s e Burger King (che anch’io preferisco, molto meno fetido e unto) e in USA pure da KFC (il trionfo dell’olio da macchina esausto) perchè era l’unica cosa che mi potesse permettere di non morire di fame.
    Chiaro che qua in italia non ci vado, ma tutte le cose vanno rpese cum grano salis.
    P.S.
    Ho modificato leggermente il post…

  24. Capitana io rispondevo a Strato…
    Momy, anche io non ho tempo, magari mangio un po’ dopo, rubo un po’ di tempo al divano, ma cerco di cucinare. Naturalmente parlo per me. Ognuno faccia un po’ quel che vuole.
    Mi meraviglio sempre molto quando sento parlare di un mondo che va affanculo in tutti i sensi, ma si lascia passare tutto, anche quello che non fa parte delle nostre tradizioni.
    Ma si sa, io sono comunista.

  25. ziaS, e dato che questo bel mondo va affanculo in tutti i sensi le sembra che siano le mamme cattive e viziose che portano i bimbi da McD invece di dar loro la mortadella e le donne che non cucinano più come una volta il grave problema? lo so, oggi ha tutti i diritti di sfogarsi, segua il suggerimento di Ubi, magari funziona.

  26. quando ero piccola il nemico numero uno era la Nutella… ora sembra quasi “cibo vero” al confronto con il resto.

  27. la nutella è buona! e non ditemi che è fatta col grasso del maiale perchè non vi sentirò.

  28. Francamente la difesa delle tradizioni è l’ultima cosa che mi aspetterei da qualcuno di sinistra. Ma già, lei è comunista, non di sinistra, tutto si spiega ;-)

  29. momy, diciamo che mangiare merda dichiarata non aiuta….
    ma facciamo cosi’, visto che io non ho ne figli ne nipoti da salvaguardare, continuo a cucinare nei limite del possibile cose commestibili, lei continui a mangiare quel che vuole.
    i problemi grossi cominciano sempre da piccole cose che non funzionano.
    la provocazione, la lascio cadere, visto che io ho fatto un post ironico, ma a lei invece piace come sempre infierire.
    e qui chiudo.

  30. mi perdoni ziaS, ma non avevo colto nemmeno un briciolo di ironia nei suoi commenti – soprattutto al #27. Se c’era son io che non l’ho vista.
    D’altro canto lei non ha voluto leggerne nemmeno nelle mie risposte.
    Indi credo che siamo quantomeno pari.

  31. a me si spacca il cuore vedere che vi scannate…vi dico la verità! Tutti e 3 eh. Cazzi suoi capitana direte voi, è vero…avete ragione, tutti avete il diritto di dire e di scrivere le vostre opinioni. A me si spacca il cuore…ne ho il diritto.

  32. prima di essere ulteriormente fraintesa: per segua il suggerimento di Ubi intendevo il suggerimento che Ubi ha dato nel suo post di oggi.

  33. Dunque… so che non aspettavate altro che la mia autorevolissima opinione, quindi eccovela:

    Cosa cazzo c’entra MacDonald con questo post?

    Quando ho visto il numero dei commenti in così poco tempo avevo pensato “sarà perché la capitana ha scritto la parola “uccello” e che quindi tanti commentatori son finiti qui tramite delle ricerche specifiche su gùgl… piena di aspettative apro i commenti e… sti cazzi… praticamente una via di mezzo tra medicina 33, tribuna politica e mela verde…

    Capitana… mi piace questo post, ho fatto un sacco di km in autostop, non sempre è stato divertente in effetti, ed il solo pensiero che mia figlia potrebbe solo pensare di fare altretanto mi fa venir brividi, mi fa star male fisicamente…

    TeS

  34. io non ho mai tirato su autostoppiste, che senno’ mi tocca lavare la macchina.

  35. Strato2006

    ZiaS @27 e@33: anche se lo hanno praticamente già detto, mi sembra che lei estremizzi un tantino. Anch’io sono di idee sinistrorse (sono pure mancino), ma sarei più blando per vari motivi:
    1. le certezze sull’origine di quello che cucina direttamente Lei, purtroppo, obiettivamente non sono maggiori di quelle che ha da MacD;
    2. Non ̬ boicottando il MacD che si risollevano le sorti del mondo, ma dandogli Рcome a tutto del resto Рil posto che merita: non ̩ un mito ma nemmeno una schifezza assoluta;
    3. Alla fin fine, ho anche letto su riviste autorevoli (per quel che può valere) che i MacD mantengono livelli piuttosto elevati di igiene e qualità, e lo ho riscontrato di persona in diverse occasioni;
    4. le assicuro che mia moglie e io siamo cultori del buon mangiare, ovvero a casa i minestroni si fanno come dice Lei etc, e fuori ci piace frequentare certe trattorie selezionate, a pesce e verduzzo o filetto e cabernet etc, ma mica si può sempre, né come tempo né come argent;
    4. infine mi scusi Capitana se ho approfittato, e un elogio per il suo sangue freddo che è la parte più bella e centrale del post; se certi individui vanno classificati come uomini, allora non lo sono io, o viceversa …
    Giorgio

  36. Strato2006

    Vabbè ci sono due punti 4.;
    ;-)

  37. ….leggo solo ora. amaro, ma bellissimo.
    ho un turbinio di cose che hai tirato a galla.
    un abbraccio, amica mia.

  38. bellissimo post
    un ricordo che evoca un ricordo, anche se il secondo non è proprio bello

  39. Buongiorno capitana! Finito di frignare? :-)

  40. Flauta…non turbinare, andiamo a cantarcela va!

  41. Acque…grazie, come stai?

  42. mi scusi strato, ma non capisco perche’ se uno non va al mc donald deve essere sinistroso. credo che le cose siano due e ben distinte.
    Abborro certi posti come la tv spazzatura, i centri commerciali, i suv, le mille e una tariffe dei telefonini, e amille altre cose, non perche’ non di sinistra, perche’ aiutano a non andare avanti. Ho visto rifornire questi posti. E parli magari anche con chi ci ha lavorato. Le dira’.
    Sostengo che si parta dalle piccole cose a cambiare, e cerco di farlo per prima.
    Ho detto anche io che non sono sicurissima neppure di quello che compro al mercato rionale, ma diciamo che un occhio di riguardo cerco di averlo a quello che compro.
    E mi creda, poche volte mi posso permettere il ristorantino di qualita’ allora mi cucino del pesce a casa, acquistandolo dopo aver valutato bene quello che compro.
    Quel posto, come mille spizzico, muzzico, nazzico, non e’ che li demonizzo, mi fanno proprio schifo, solo l’odore che esce, tutto qui.
    Per Ubi, mi sfugge il senso del suo commento (e le faccette non le capisco).

  43. Mi scusi Capitana, se l’attenzione del suo post si e’ spostata sul mc donald.
    A volte succede.

  44. Non me ne frega niente della attenzione o meno al post. Mi dispiace solo della mia impotenza se vi scannate tutto qua.

  45. zop

    gasp che storia dura…

    (ma devo dire la mia sul mc donald? mi fa schifo. ma chissene….)

    un saluto :)

  46. Strato2006

    Cpt: mannò che non ci scanniamo, anche perché abbiamo le stesse idee: “la tv spazzatura, i centri commerciali, i suv, le mille e una tariffe dei telefonini …”, insomma aborriamo tutti le mille cose idiote e di moda “che oggi non si può fare senza”. Solo a livelli diversi, come è logico per persone diverse. Personalmente aggiungerei i GPS …
    E su questo – vale almeno per me – anche se non vi conosco personalmente, siete persone che stimo e penso che come voi ce ne vorrebbero di più … zia il cartellino rosso lo considero un onore sa? Le manderò i miei braccini …
    Str@to

  47. li consegna lei di sua sponta? questo si’ e’ rendere l’onore delle armi…

  48. Strato2006

    Eh quando ci vuole ci vuole, devo ammettere che ultimamente mi ha “bruciato” su tutti i fronti …

  49. ciccia, dai su che non è successo niente…
    e cmq, da uno sconosciuto straniero affamato, me lo aspetto.

    è dall’amico benestante che ancora non mi sono ripigliata.

  50. Capitana, va meglio? Qui c’è il sole, lo vedo benissimo là dietro le inferriate dell’ufficio. Ieri ho mangiato lo spezzatino di mamma-Gabry e lo digerirò sabato (però era buono). Cri saluta e fa le capriole e mi ha regalato la matita a due colori rosso e blù (prelevato al seggio) come quella della mia maestra delle elementari.

  51. Ehila Pillowina…sto bene eh! è solo un ricordo che si è trasformato in racconto e che straordinariamente a volte mi fa sentire forte, a volte no ma a volte si.
    MomY ma non è vietato rubare le matite dai seggi? e quelle dell’ikea anche…

  52. quest’anno c’era pure il temperino ai seggi, e non più il cutter. come cambiano i tempi.

  53. quelle dell’ikea? se uno riesce a non forarsi tutti i diti nascondendone decine nelle tasche ha quantomeno il diritto di utilizzarle per scopi casalinghi. quelle sei seggi… son dello Stato, lo stato siamo noi per processo di traslazione – non funziona così? Ho un fidanzato ladrone? YES! Acchescema! fa l’assicuratore ;D

  54. non è un furto. è uno scambio.
    le penne date dal ministero ai seggi non scrivevano. non una, dico.

    taci che (memore di anni di seggi) avevo in borsa una buona scorta.

    indi, inchiostro privato per temperino pubblico.

  55. Strato2006

    Con le matite dell’ikea ci ho fatto un modello in scala dello Slane Castle …

  56. La Thailandia è dura, sorella, non è posto da turisti.
    Lo dico seriamente.

    Molto dura.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...