Total control

Ieri son salita sui rollerblade. I primi giri li ho fatti da esagerata, che era da tanto che non ci andavo, si vabbeh due settimane, comunque ci spingevo su forte, così forte che ho sentito tirare fortissimo il muscolo della coscia destra, mi ha urlato con parole sue "stronza vai piano" . Ho rallentato e ho iniziato a pensare a quello che stavo facendo. Destra, sinistra, bacino abbassato, braccia a 20 centimetri dai fianchi mani tese, testa alta. Curva. Spinge solo la destra la sinistra lascia, destra lascia destra lascia. Rallento ancora. Più rallento meglio mi organizzo. Sento le mamme che dicono alle figlie "Guarda devi fare come lei" mi giro per vedere se c’è qualcuno dietro e non c’è. Parlano di me, mi vien da ridere ma non lo faccio. Sento tutti i muscoli, capisco anche quanta aria devo far entrare nei polmoni per restare in quel perfetto equilibrio. Sento tutto e il tutto che sento lo sto facendo io. Mi viene in mente di quando facevo le acrobazie, ci facevano fare un esercizio, pancia a terra, le mani appoggiate sui pugni, tutti i muscoli in tensione, respiro controllato, nulla di libero, l’insegnante prendeva un punto a caso del nostro corpo (di solito era il collo di un piede) e magicamente con lo sforzo di una mano se l’esercizio era fatto correttamente riusciva a tirarci su dritti, anzi, drittissimi. Controllo totale. Continuo il controllo totale sui rollerblade, continuo continuo e penso ancora ai movimenti, sempre di più. Perde di naturalezza? no, per un cazzo, prende intensità, lavoro con consapevolezza, non sono in gita, lavorando con il corpo così devo concentrarmi abbastanza da liberare la testa dai mille pensieri. E’ la mens che diventa sana nel corpore che lavora.

Penso che in quel momento potrei fare quasi qualsiasi cosa una volta stabilite le regole e le impostazioni di base. Un corpo macchina. Penso che in realtà è così che mi è successo, sopra un cavallo, nelle acrobazie, nel kick. Controllo – regola – movimento – fai così che lo farai sicuramente giusto. Riesco a fare tutto molto giusto col mio corpo.

Poi penso a quell’unico muscolo – unico – completamente fuori controllo.

Annunci

2 commenti

Archiviato in la di lei vita, she's a maniac

2 risposte a “Total control

  1. ma solo perché il cervello non è un muscolo, altrimenti sarebbero due.

    Piesse: pensa Capitana, io facevo il contrario, quando pattinavo lo facevo per guardar passare le cose attorno a me come fosse il mondo visto da una giostra. E mi scordavo l’aerodinamica, i muscoli, le braccia e, purtroppo, anche qualche sasso di troppo sotto le rotelle.

    Ah, dimenticavo: è un lunedì di sole. Eviva!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...