Vi dico quella del persico…

Questa è la storia di come faccio io i filetti di pesce persico, la ricetta si può fare uguale identica mettendoci il filetto di john dori al posto del persico a vostra miglior preferenza insomma

INGREDIENTI – una padella antiaderente (antiaderente non è una cazzata è importante) – olio di oliva ma non extravergine top quality, olio di oliva poco aromatico che sennò vi nasconde il pesce – aglio – prezzemolo – pomodoro datterino o ciliegino – olive nere – capperi frutto (quelli col rametto attaccato) – filetto di persico o di john dori (io di solito ne uso uno di persico per due persone che è grande) – Vino bianco a piacere, il mio piacere è prosecco o pinot grigio.

La mossa giusta è riempire sempre il bicchiere di vino prima di mettersi a cucinare, io tengo anche le sigarelle a portata.

Lavare il filetto di pesce e asciugarlo con la carta cucina, sembra una cazzata ma se non lo si asciuga un pochetto c’è il rischio che vi schizzi addosso l’acqua e che vi innaffi la preparazione, non va bene.

Nella padella antiaderente mettere un po’ d’olio il prezzemolo  e l’aglio, io ci metto lo spicchio intero, lascio che si scaldi, lo giro, lascio che si scaldi – non lo faccio bruciare che sennò molla l’ amarognolo -poi lo infilzo con uno stuzzicadenti e lo butto via, poi butto subito fuori la spazzatura perchè l’odore di aglio morto mi da fastidio.

Mettere i filetti di persico nella padella, col fuoco abbastanza alto in modo che prendano una botta di colore (attenti a non farlo bruciare), girarli e salare il lato che ha già preso la botta di vita. Lavare bene i pomodorini e tagliarli a metà, togliere l’osso dalle olive nere e tritarle a pezzetti (non fate la stronzata di comprare le olive nere senza osso che sono una merda di plastica) – io lavo anche i capperi frutto però non son tanto preparata perchè non mi piacciono. Lanciare bene questi tre set di cose nella padella del pesce (prima però lo avrete girato e salato sull’altro lato). Metteteci anche un po’ di vino, a occhio mezzo bicchiere. Lasciatelo evaporare e poi abbassate la fiamma.

Sarà pronto quando i pomodorini risulteranno morti q.b.

Buon appetito

 

Annunci

6 commenti

Archiviato in una ricetta ogni tanto

6 risposte a “Vi dico quella del persico…

  1. amme’ mi sa che me lo avevi fatto simile ma al forno con le patate… ed era meraviglioso.

  2. a te ho fatto rana pescatrice (tail only) con le patate.
    La spiego un altro giorno…buona è vero

  3. il john dori invece si chiama san piero qui, credo in italiano san pietro ma non so.

  4. se posso azzardare un suggerimento, eviterei di cuocere il prezzemolo.
    Tale erba aromatica infatti, se cotta, non sviluppa il suo potere aromatico, appunto.
    Prova ad aggiungerlo a fine cottura.

  5. capio e annotato… grazie!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...