N: cosa hai fatto? hai ballato? sei tutta sudata…

E (col fiatone): bhallatoh…uhm, piuh che bhallatoh ho saltato come una phazzah

E (beve acqua vitasnella e con l’altra mano si tira fuori una sigaretta): mmmm sai a cosa stavo pensando? che ho un po’ male adesso. E pensavo che posso dividere la mia vita da prima di agosto a dopo agosto

N la guarda ma resta a pc, lei si ingabbia le ginocchia con le braccia seduta sullo sgabellino minuscolo, lei sta guardando le vecchie tele appoggiate al muro.

E: prima di agosto sentivo chiaramente quando avevo momenti di alto stress, lo sentivo eppure andavo avanti, me ne strasbattevo.

si blocca un secondo aspira la sigaretta a fondo

E: ora guardami, mi son spaccata e ho male e quando ho sentito male ho dovuto fermarmi, non potevo andare avanti e anche col lavoro è così, sento che mi monta la rabbia o lo stress mi vien su, ma non posso andare avanti, sento male…sento male come se una lama mi scavasse dall’interno e io devo fermarmi e non lotto più. Come stamattina, avevo un nervosodiddio ma mi son fermata, non potevo andare avanti.

Lei piange, si ferma un momento, accende un’altra sigaretta e poi con la voce bassa bassa, con la voce in sussurro

E: quando non posso più andare avanti vedo che resto immobile, lo sento. E’ che sono come se stessi in coma, in anestesia e lascio che le cose accadano.

N. la guarda "probabilmente è il chiaro segnale che devi fermarti"

E: si. Hai visto come è piccolino questo braccio? si vede eh che è più magro…poi non è che si veda davvero però io lo so e sai cosa anche? quando mi lavo le mani, soprattutto in ufficio e mi tiro su le maniche sento subito che una manica va più su dell’altra

E: che stressata che ho preso stamattina con quel tubo di merda…ma ti pare che nel 2008 si spacchino ancorai tubi? bah

E: ho guardato i lavori oggi, tutta merda…io a far primanota a uno stronzo a caso non ci vado, non posso tornare indietro così e il brutto è che quando ho preso questo lavoro sapevo che non sarei più tornata indietro.

E: insomma mi son spaccata di no doubt…e Lamu anche. Ho fatto la sigla di Lamu

E: un lavoro interessante c’era – assistente, telefonetto, agenda del capo da gestire, cose da organizzare, carta di credito, stipendio esclusivo, richiesta riservatezza e inglese fluente – luogo di lavoro Cologno Monzese…fanculo

E: adesso vado a farmi la doccia sennò muoio…

E: cosa c’è?

N. Sono stanco.

E: vuoi andare a letto?

N. no voglio vedere il film

E: ok…vado alla doccia, 5 minuti e torno.

 

Annunci

3 commenti

Archiviato in la di lei vita, shes

3 risposte a “

  1. CapitanaS, lei comincia a preoccuparmi sul serio.
    Non sto scherzando.

  2. anonimo

    Capitana anch’io sono nella situazione di dover cambiare lavoro, il Mio lavoro. 30 giorni da oggi e mi troverò a fare altro, o quasi, di sicuro farò un passo indietro. So come ci si sente.
    So anche che la mia situazione non fa assolutamente mezzo gaudio con la tua Cpt.na.
    Queste parole sono solo per dire che non devi mollare, non importa in che direzione farai il passo, l’importante è reagire. A costo di frantumare i denti a furia di tener duro….

    saluti
    Francesco

  3. Francesco…per favore, parliamone. La vedi la mia mail in alto a dx stregaster @ gmail.com
    per favore scrivimi.
    Grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...