faccio cose, tante cose…poi ve le racconto.

L’altro giorno, così tanto per far qualcosa di emozionante, sono andata al pronto soccorso. Ho deciso autonomamente di recarmi in quello piccolino di provincia e di evitare quello grande di città. Ho pensato che vedere quello di provincia sarebbe stato un pochetto più divertente che in quello di città avrei visto solo tante tragedie e ambulanze avanti e indietro e continui cambi di priorità e insomma, ho voluto andare a vedere il p.s. del paesello.

Al p.s. del paesello la prima cosa fica che mi è successa è stato che lo sportellista quando gli ho detto perchè ero li ("sono venuta a fare un giro e a vedere come si sta qui, in quello grande di città ci son già andata.") è stato bravissimo perchè così all’ostrica mi ha fatto subito una diagnosi, tipo che lui aveva già capito tutto quello che avevo ("hmmm coliche sicuramente dovute a curiosità congenita, prenda la provetta e ci vada a fare pipi dentro per sicurezza"), mi consegna una provetta e io vado al cesso più vicino.

La seconda cosa fica che mi è successa al p.s.  del paesello è proprio la provetta, era una provetta di quelle allungate e sottili, ora, io il mio apparato urogenitale è trentanni che me lo vedo quindi lo so com’è e so anche come funziona, ma da qui a dire che io sia in grado di centrare una provetta con diametro due ne passa di acqua (o altro) sopra la provetta.

La terza cosa fica che mi è successa è la più fica di tutte, la sala di attesa. La sala di attesa del p.s. di città è enorme, la sala di attesa di oggi è piccola e raccolta, si sentirebbero anche i sussurri se non che tutti stanno ridendo, chiacchierando, urlando, davanti a me un operaio con un suo amico, l’operaio secondo me ha un piede rotto, il mio intuito e il fatto che tenga la gamba su la dicono lunga. Dietro di me due vecchi, mooolto vecchi, io credo abbiano sui 103 anni, io lo so che non hanno niente, lo so perchè notavo che al p.s. in sala di attesa chi ha qualcosa non si lamenta dell’attesa, qualcuno soffre ma sa che non può andar via perchè ha proprio tanto bisogno di cure, qualcuno invece soffre qualcosa meno ma sa che non può andar via e nell’attesa fa casino con le persone che lo hanno accompagnato perchè dentro di se ha una paura diddio del poi. I vecchi si lamentano di tutto "e ci fanno morire" "e siamo qui da mezz’ora" "e da mezz’ora non chiamano più nessuno" poi, chiamano i vecchi e il medico che gli va incontro glielo dice davanti a noi "signora tutto a posto si metta solo un po’ a riposo" io lo sapevo.

L’ultima cosa fica che mi è successa in questo piccolo p.s. è la radiografia della pancia, non l’avevo mai fatta e se l’avevo fatta non me lo ricordo. La cosa fica della radiografia alla pancia è che quando mi son tirata fuori le stampe per vedermi la pancia, beh, prima di tutto si vedevano le caramelle mangiate, poi…nella radiografia alla pancia sembra proprio che io abbia due tette diddio, eeenoooormi, capite? eeeenormi, l’importante è non mettere la radiografia diritta e rendersi conto che quelle non sono tette, è il bacino.

 

 

Annunci

9 commenti

Archiviato in la di lei vita, shes

9 risposte a “faccio cose, tante cose…poi ve le racconto.

  1. Ah…i pronto soccorsi dei paeselli.
    E’ tutto un altro mondo !

  2. Ma poi le coliche da curiosità te le hanno curate oppure devi aspettare di compiere centotrè anni per sentirti dire “si riposi un po’, che passa tutto”?

  3. e già le va bene che non sta in calabrai. visto report ieri sera?

  4. so qua.
    Vero Rosi…è tutto diverso, no MomY mi han curata ed è stata na figata pure quella…ho avuto un trip da intramuscolo.
    ZiaS, no non ho visto. hm non immagino.

  5. quello che ha pensato le provette per i campioni di urina dev’essere un dissociato mentale
    io tifo barattolini for ever and ever
    che magari ti pisci sulle mani comunque ma li’ puoi dare un po’ la colpa a te stessa

  6. anonimo

    E meno male che non sono tette ed è il bacino…
    Pensa averle a quell’altezza alla tua età!

  7. Ooops!
    L’anonimo sono io me…

  8. Volevo dire quello che ha detto la Ila ma lo ha detto la Ila quindi non posso dirlo io, però volevo farvi sapere che volevo dirlo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...