dai va bene lo confesso

oggi ho pianto, ho pianto come un vitello dentro al cesso delle donne del mio ufficio.

Il cesso delle donne: il nostro gruppo conta una ottantina di persone, boh magari son novanta o magari settanta di fatto io ne cago tre + 1 che è il giorno del mio informatico esterno di favore, detto questo di quegli ottanta un buon sessanta son femmine quindi il mio cesso dell’ufficio in realtà è solo uno dei cessi dell’ufficio.

il cesso delle donne bis: una volta un mio amico per fare una cosa carina mi ha mandato una sua foto e per farla si è specchiato nel cesso dell’ufficio, da quel giorno desidero fargli lo stesso regalo ma poi mi vergogno.

Il cesso delle donne e tre: oggi non sono stata l’unica ad andare a piangere al cesso delle donne.

Il cesso delle donnes quattros: quando una va a piangere in bagno è perchè non vuole piangere, vuole lavarsi la faccia e respirare a fondo e bagnarsi i polsi e la fronte.

Il cesso delle donne e sinco: ho tirato un calcio all’armadietto e poi ho pensato di aver lasciato il bozzo ed ero dispiaciuta.

fine del cesso delle donne, devo dire due cose

Sto bene.

E’ successo che ho avuto un problema grosso e ho risolto e poi tutti stavano attenti, avete presente quando le persone vi trattano con cautela? che uno dice "ghesboros ho litigato con uno mica le ho prese" ma tutti mi trattavano con cautela, poi abbiamo ordinato la pizza in ufficio e un mio collega mi ha detto "erika tu mangi?" e vi pare che io non mangi? certo…e mi hanno regalato la pizza e mi trattavano come se avessi subito chissà cosa e io avevo un po’ avuto una brutta mattinata ma volevo buttarmela alle spalle e non andava perchè mi trattavano tutti con quel non so che. Poi ho cercato Sergio, l’ho cercato perché son stata sgridata da uno per colpa di Sergio, e insomma Sergio invece che dirmi "erika me dispiaxe xe colpa mia" mi è saltato su dicendo che stanotte era diluviato e che era il giorno prima di ferragosto e che aveva avuto anche lui una mattina di merda e io allora gli ho detto così, proprio così "Sergio…non urlarmi addosso anche tu." poi abbiam messo giù e poi tutti mi guardavano e io sono andata nel cesso delle donne.

Sergio mi ha richiamata poi…più tardi.

Insomma sto bene.

Ho avuto un crollo del nervo oggi ma sto bene.

Poi volevo dire che ho la batteria scarica del telefono da due giorni, di quello privato, lo dico per chi mi ha cercata li (si dico a te) e se vuoi quello del lavoro è sempre acceso anche di notte. Lo dico anche per far capire che in giorni come questi giorni io non ho tempo neppure di infilare un cavo nel telefono.

Poi ho scritto questo post e l’ho scritto perché io non avevo voglia di farmi coccolare da nessuno dopo aver pianto nel cesso, odio farmi toccare e abbracciare e …tutte le cagate che fa uno quando vede una che piange insomma a me stanno sui coglioni. A qualcuno lo dovevo però raccontare, allora l’ho detto a voi, voi che mi leggete e io lo so che siete li e vi dico anche grazie perché in momenti come quello di adesso voi non avete idea ma io vi penso tanto. E non potete toccarmi e se mi abbracciate è virtuale e se piango di nuovo non lo vedete.

thank you indeed.

Annunci

7 commenti

Archiviato in la di lei vita, on duty, shes

7 risposte a “dai va bene lo confesso

  1. Abbraccino virtuale…
    Se mai ti chiamo per avere lezioni di veneziano, ok?

  2. Hai un tipo di scrittura molto particolare. Mi piace.

  3. E i blogger a distanza poi sono sempre perfetti perchè se ne stanno li buoni buoni e sembrano sempre che capiscano. Anch’io ho un grosso debito con il virtuale.
    Che poi, ad esempio, gli amici virtuali sono belli, non puzzano, non abbracciano e sono muti.
    Perfetti quindi.
    Ciao Capitana (e tranquilla, siamo un popolo di donne che usa il bagno per piangere).

    Gramigna

  4. anonimo

    io dico che un pianto di tanto in tanto fa un gran bene e ci sta daddio, ti pare? : )
    un non-abbraccio virtuale
    k.

  5. speriamo che il ferragosto sia trascorso un tantino meglio… non ti abbraccio…

  6. eheh! io anche vado a piangere in bagno, davanti allo specchio cosi’ poi mi sento stupida e brutta li’ a piangere comincio a ridere e a prendermi per il culo da sola e poi sto meglio
    ma funziona… :)

  7. guerreronegro

    Anche i maschi certe volte vanno nel bagno dell’ufficio a piangere.
    A me non era mai successo fino a una settimana fa.
    Io ci vado anche per non far vedere che ho i lacrimoni e potermi asciugare gli occhi in pace e poi tornare in ufficio come niente fosse.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...