son di ferie.

Sto facendo tante di quelle cose in queste ferie che sono imbarazzata per me e per il mio sacro riposo andato a strafarsi fottere.

Ho passato un giorno interessante a cucinare una cosa che avevo visto fare dalla anna moroni, non tutto un giorno ma una bella mattina si e siccome mi è venuta molto bene da li in qua mi son premurata di seguire il canale di alice su sky. In queste ferie in pratica sto seguendo un corso di cucina.

Ieri sono stata per la enne volta in libreria da che sono in ferie, la tipa quando mi vede arrivare butta a terra il tappeto rosso che ormai sa e tira fuori il pos dorato. In queste ferie sto leggendo un sacco (ma proprio tanta roba).

Ieri per andare in libreria ci siamo persi perché stavamo su una strada alternativa a quella coperta dai passaggi a livello. Insomma ho visto un cartello scritto a mano su una laterale di un posto in culo ai lupi che diceva "maneggio" io ero vestita con un tubino nero e decollte a tacco dieci sottile sottile ero più curiosa che furba. Siamo stati al maneggio ed è stato interessante passeggiare con quelle scarpe sopra alle zolle appena girate e poi anche vedere come mi guardavano è stato un bel po’ interessante.Comunque poi ho spiegato alla tipa che anche se non ero vestita per li io sono una vecchia donna di cavalli e che scoprire di avere un maneggio vicino a casa mi ha fatto piacere. In queste ferie mi sono iscritta a un corso di equitazione, provo a non spaccarmi la testa di nuovo o il ginocchio di nuovo o il polso di nuovo o di beccarmi un morso di nuovo o di non beccarmi un calcio di nuovo.

Sto dipingendo e mi rendo conto che era da tanto che non lo facevo, lo capisco non dal dipinto ma da come ne esco che una delle cose che di solito si impara è a non sporcarsi, ieri sembravo la pubblicità della linear e il mio tappeto è diventato un guernica. Mi diverto e questa ultima tela che è molto ma molto uterina è quasi finita. In queste ferie ho ripreso a dipingere.

Il mio libro che una volta era un libro segreto che mi vergognavo a dirlo e che mi pareva di non meritarmi di scrivere un libro con tutta la gente brava che scrive. Il mio libro sta andando avanti e io a volte ho dei momenti di mona a scriverlo, tipo che ho paura che non piaccia che ho paura che sia scritto di merda che ho paura che la storia non fili e che ho paura che il finale sia uno di quelli che uno dice "e allora?". Io nei momenti di mona del mio libro penso sempre a una persona che è il mio editore e certo lo infilo nei ringraziamenti perché se lui non mi vedeva io col cazzo che mi inventavo un libro, però il mio grazie è più profondo perché lui quando ho i momenti di mona mi dice "Erika, questo è un bel momento, dovresti godertelo al meglio e basta, le preoccupazione per favore dopo". Nelle mie ferie ho capito che sto facendo un piccolo passo per l’umanità e un grande passo per questa donna.

Giovedì c’è il mercato del pesce freschissimo qui e allora io volevo invitare a cena giovedì sera il mio amico anonimista. (capesante – scampi aea buxera – coea de rospo in forno su letto de patate) vieni?

 

 

 

Annunci

8 commenti

Archiviato in cose rosa, la di lei vita, shes

8 risposte a “son di ferie.

  1. dissento fermamente su “…si impara è a non sporcarsi”; è semplicemente un segno esteriore del genio, un’espressione della trans artistica in cui si cade durante il momento creatore che ci isola dal resto del mondo; o almeno così mi hanno consolato quando ho scoperto di avere indelebili macchie rosa sul pull verdino…
    sissi

  2. se non viene lui vengo io pero fammelo sapere co un po di anticipo che ho da partire da viareggio.. poi ti dico se ce l’ho piu buono io il pesce o tu!

  3. Messaggio in codice:
    VR – ottobre- vieni ?

  4. ma le vacanze non servono a riposare il corpo, per quello c’è la tomba (tra moooltissimi anni), servono a fare le cose che ti piace fare e scoprirne di nuove che potresti fare e trovare il tempo di godertele, quelle cose che fai e non sei sempre di corsa che ti diverti la metà.
    Filava?
    Mi sa di no.
    Buone ferie! Ma quando venite nella terra delle nebbie?

  5. arrivo presto sia dalla giulietta (questo era in codice)
    sia dai longobardi (pure queesta era in codice)
    intanto vi duebacio

  6. Mi hai fatto capire che ho sprecato le mie ferie.

  7. comunque, se io avessi ferie come le tue, poi dovrei quantomeno prendermi una vacanza per riposare! ecco.

  8.  in effetti son più di ferie quando sto in ufficio che quando sto di ferie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...