razionalizzami.

L’anno scorso c’è stato quello strano episodio di questa lei che dal nulla si è sognata dell’autore di un blog. Uno con cui non aveva mai parlato e di cui non sapeva il nome e di cui non poteva immaginare il viso. Infatti quella volta li nel sogno, questa lei, beh si immaginava di essere in chat. Un sogno onesto e coerente nella sua incoerenza.
Questa notte, questa lei, ha fatto un sogno.
C’è da dire che questa lei ha un bel periodo, lavora tantissimo ma il lavoro quello giusto, il lavoro che ti lascia stanchezza ma non stufezza, questa lei fa un sacco di cose coi cavalli e i cavalli per quanto uno si sforzi, beh i cavalli ti entrano nell’anima e io, con la voce di questa lei posso dire di essermi innamorata di quell’arabetto di cui raccontavo qualche giorno fa, innamorata che quando lo vedo lo devo toccare, e quando lo guardo mi vien fuori la pupilla a forma di cuoretto.
Questa lei è anche innamorata dell’autunno che tutti gli alberi si son colorati di giallo o di rosso o di arancione e lo sanno anche i sassi ormai che l’arancione è il mio colore preferito.
Questa lei che poi sono io, ha un bel periodo, lascio entrare tutto e accorgendomi di questo faccio anche in modo di assorbire tutte le cose belle che posso.
Sto leggendo tanto, sto scrivendo tantissimo e signori e signore, dovreste sentire quanto cazzo parlo, parlo anche mentre dormo e la gente che mi è a tiro vive nella speranza che gli cadano le orecchie.
Questa notte insomma, questa lei, che poi sono io, si è sognata di un autore che non conosce, non ci conosciamo, non siamo amici, non ci parliamo con le voci, non so chi sia, non ne ho idea.
Il sogno non era come l’altra volta, il superio che mi governa mentre sono assente ha deciso di farmi avere un incontro con questo autore, mi ha fatto vedere il suo viso, mi ha fatto vedere che è alto, mi ha fatto percepire la sua voce anche se io le voci proprio non le ricordo, me lo ha presentato.
Il mio subconscio mi ha presentato una persona che leggo con passione da tanto e giusto per farmi capire che comunque si devono tenere le distanze quando si è alla guida ha deciso di presentarmelo sopra a un fungo, un fungo blu, seduto sopra con le gambe incrociate, una canna di mezzo metro di maria tra le dita.
Aveva un sorriso meraviglioso.

(credo sia lo stesso meccanismo che mi faceva sognare heathcliff quando ero piccolina)

Annunci

8 commenti

Archiviato in cose rosa, la di lei vita, shes

8 risposte a “razionalizzami.

  1. con la canna di mezzo metro pensavo a trenta, ma lui si sa che faccina abbia ;)
    comunque che invidia…

  2. ahahahah leuconoe che fica.
    no comunque.
    e no 30 che ne conosciamo il volto, il nome, il cognome, che sigarette fuma e pure quante ne fuma…comunque 30 lo saluto.

  3. comunque questa volta, come l’altra volta, son tutta contenta che la prima cosa che vi viene in testa è:"chissà chi è chissà chi è" come l’altra volta e come farò in un eventuale futuro. non lo dico chi, ne a voi ne al protagonista che se no mi pare di rovinare tutta la magia.
    magari la volta  che lo dico smetto di sognare, allora non lo dico.
    il mio primo pensiero a un post di quella lei che sono io è: cristodiddio vai a pescare.

  4. Che poi uno a fare il figo fa anche le figure di merda. Ecco il link funzionante.

    Artemisio

  5. ti voglio bene artemisio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...