la famigghia.

Ogni volta è così, volontariamente o non, ogni volta che devo trovarmi in un pranzo o una cena di famiglia mi viene un magone che non so spiegare. Sento la forzatura mi si paventano davanti agli occhi scene di me annoiata, infelice, triste e costretta a star seduta a un tavolo ore. Le scene sono a mo di intervista doppia, dall’altro lato vedo me seduta a un tavolo con la persona che amo e il cibo che voglio e son felice e sta bene il silenzio.
però è l’ottantesimo compleanno dell’unica nonna che mi è rimasta in attività.
MI sveglio questa mattina involontariamente con crampi alla pancia, crampi che fan si che mi dopi subito. Il doping funziona, il mal di pancia se ne va in velocità ma due buscopan e due aspirine e un caffè non sono abbastanza per sostenermi. Allora svengo.
però è l’ottantesimo compleanno dell’unica nonna che mi è rimasta in attività.
arrivo al ristorante per ultima ma con un bel mazzo di fiori colorato tra le braccia, panico e disagio che la famigghia tutta è già seduta chi sa da quanto e magari mi ha già commentata. Il posto vuoto è quello alla destra del padre, del mio. I cugini mi salutano appena, la nonna mi dice che i fiori non sa dove metterli.
mi torna il mal di pancia.
rubo il prosecco dalla postazione di mio padre e mi alzo in piedi "scusate il ritardo, buon compleanno nonna, auguri" sorridono tutti e bevono tutti.
Ho già voglia di una sigaretta ma sono appena arrivata, vedo mio cugino piccolo che esce (mio cugino piccolo fa ventitre anni per un metro e novanta e cento chili), non lo seguo che il silenzio sarebbe imbarazzante e poi sono appena arrivata.
Il cameriere è simpatico, di quelli che fan scena e l’antipasto è buono anche se io avrei messo meno olio sulle schie.
Ora devo fumare una sigaretta. mi alzo io e si alzano tre cugini e le loro compagne. offro una sigaretta a tutti e mi chiedono dove le ho prese le light vecchie. un regalo di un mio amico che è stato ai caraibi. adesso mi commenteranno male penso. mi arrivano addosso una valanga di domande. lavoro, casa, vita, mi chiedono dei gatti.
rispondo e vorrei avere domande a tono ma non le ho, non so quas nulla di loro. non so se convivono, se i bambini vanno bene a scuola, se sono anche loro a disagio.
mio cugino grande (39 anni per un metro e novanta per centodieci chili) mi chiede se mi ricordo di quella volta che. Inizio a ridere che me la ricordo bene, e allora poi mi ricordo di quell’altra volta che e glielo dico e ridiamo e che forte che ridamo.
Seguono le pappardelle con scampi e la tagliata di tonno col rivolo di sangue. seguono altre sigarette e al mio alzarmi si alzano tutti i cugini.
arriva un momento in cui non vedo l’ora di alzarmi per star con loro e mi sento bene e la nonna cambia viso e non mi pare più seria e son tutti rilassati.
Quando ci salutiamo mi vien voglia di chiedere se mi vengono a trovare a casa. poi sto zitta, mi vergogno, mi pare eccessivo.
Ci due baciamo e basta.
la mia famiglia oggi mi ha detto che fa il tifo per me, me lo ha detto senza fronzoli, senza paturnie, senza niente e io l’ho sentita proprio forte e chiara, come se ci fosse sempre stata.

Annunci

9 commenti

Archiviato in cose rosa, giorni fantastici, i love them, la di lei vita

9 risposte a “la famigghia.

  1. a volte non è la famiglia a tagliarci fuori, ad essere lontana, a non pensare a noi. Siamo solo noi che, facendo la nostra vita, pensiamo che non pensino a noi. A volte basta una sigaretta e un po’ di vino.
    Però Capitana, vedi di non svenire… son solo cugini, dai!

    PS: certo che tutti sui 100 chili, capisco perché un po’ temi…. se ti si siedono sulla schiena per errore fai la fine dei biscottini PRIMA di essere arrotolati.

  2. io  credo che se dovessi partecipare a una riunione di famigghia,  (dico dovessi che orami qui da ste parte son quasi tutti morti) mi sentirei così come si è sentita lei all’inizio, e a me non passerebbe.
    sono io che son fatta male ma a me la famigghia mi sta cordialmente sui coglioni.
    soprattutto i pranzi, quelli che si aspettano, per far uscire tutta la merda del mondo.
    no, lo … non si fa apposta, ma succede.
    sempre.

  3. Nell’augurarti buon anno (in ritardo) invito te e i tuoi lettori a votare i migliori film ed interpreti del 2009.

    VOTA I MIGLIORI FILM ED INTERPRETI DEL 2009!

  4. Credo che a volte avere un solo cugino, solo due+due zii e fine lì… non sia così male. Certo che a metter tutti assieme, anche eventuali parenti lontani e sconosciuti e persi nei meandri delle discendenze non arriveremmo ad essere 30 a tavola. Ergo: a me piacciono i raduni di famiglia. Soprattutto perché nella mia famiglia non si fanno raduni di famiglia. Mai.

  5. anonimo

    Cara Capitana,

    Io ho un bel numero di parenti/serpenti…
    Specie i cugggini…
    Però le zie e gli zii li vedo volentieri… ghe domando… ma come gera?… come ve divertivi?… cossa fazevi?…
    e dopo 60 anni scopro che mio padre, bambino, è stato ferito da un partigiano che sparava in Lista di Spagna il giorno della liberazione… che mi madre si divertiva a leccare i rospi… e tanti altri piccolo anedotti di poco conto per l’umanità, ma importantissimi per me…

    Non so perchè, ma da queste riunioni, vengo via sempre contento!

    A4C

  6. oddio, leccare i rospi?! E sono buoni?

  7. Il problema di questii ricongiungimenti familiari è il concetto di gruppo. Per quella che è la mia esperienza, ognuno cerca di mostrarsi sorridente, stabile e sereno come un Dalai Lama qualsiasi. Poi se esci a fumare una sigaretta separatamente con ognuno dei partecipanti, scopri il loro teatrino e li vedi più vicino a te.
    A quel punto, parte la catena dei ’20 montenegro dell’amicizia’, per rafforzare il legame famigliare. E, di solito, finisce sempre male =)

  8. Ai pranzi famigliari  ( tutti i parenti del marito ) si finiva sempre sulla politica, e, con la scusa, sputavamo tutti i contenziosi acquisiti.
    Epperò…mi dicono che manco e che hanno voglia di rivedermi.
    Chissà perchè?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...