vitello tonnato.

La soddisfazione massima che provo nel post creazione del vitello tonnato non è dovuta al sapore della carne (non cambio mai macellaio perché so cosa mi vende e so che di variazione non ce n’è), non è dovuta alla salsa tonnata, anche se devo ammettere che la mia salsa tonnata è sempre in movimento, in miglioria, alla ricerca della perfezione assoluta. La soddisfazione non deriva neanche dal fatto che dal momento dell’acquisto dei gradienti al momento del servizio in tavola la sola cosa che ho in testa è: C’e’ il vitello con i piedi di balsa il vitello con i piedi di spugna e indovina chi c’e’? C’ e’ pure il vitello coi piedi di cobalto, c’e’ il vitello coi piedi tonnati quattro ne ho inventati, sono gli animali della mia e della tua fantasia. (cit) La soddisfazione massima che deriva dalla preparazione del vitello tonnato è dovuta all’affettamento del vitello, più riesco ad affettare sottile con il coltello grande più sono fiera di me stessa. Ieri sera il mio vitello tonnato, visto che sono stata dalla parrucchiera molto più di quello che pensavo, è stato affettato a caldo e lo sapete tutti che a caldo si va male ad affettare ed è stato affettato che potrei fare un corso di affettamento di vitello a nonna papera (il mio guru della cucina antica e moderna).

Un’altra cosa interessante del mio vitello tonnato è che una volta dovevo fare il vitello tonnato in estate e quando sono arrivata dal mio spacciatore di carne il vitello non c’era e lui allora mi ha proposto l’arista di maiale, mi ha detto “te lo giuro sul canguro che costa meno (il che era tangibile sul posto) e che viene meglio” el gaveva ragion. Da quel giorno in poi io preparo solo il maiale tonnato, viene buono e io canto sempre la stessa canzone. Mi ricorda il tempo in cui ero in Inghilterra e la mia landlady mi preparava qualcosa da mangiare che a me pareva sempre pollo e alla fine non chiedevo se era davvero pollo. Oppure come quella volta che la mia landlady mi ha fatto il ragu (io che desideravo mangiare cose di sua tradizione e lei mi faceva il ragu alla bolognese…la vita) e io non sono riuscita a mangiarlo perché era più orrendo del solito e lei allora mi ha detto splendida “it’s lamb” io non mangio agnello, sia per pregiudizio sia perché è evidente che non mi piace…comunque, il maiale sostituisce alla grande il vitello nella preparazione del falso vitello tonnato. Così insomma.

Siccome è da tanto che non metto la ricetta ogni tanto, mi pare un buon momento.

Vitello dai piedi di balsa inventore di una storia falsa. (cit.)

un filone/trancio di arista di maiale

rosmarino, sedano, carota, cipolla aglio, sale, vino bianco, olio di oliva q.b.

Queste cose qui sopra vanno tutte messe in una pentola con dell’acqua fredda e le lasciate cuocere a fuoco medio  sino a che vi preparate la salsa

uova sode (due o tre io vado a occhio)

scatolette di tonno (due o tre a seconda di quante uova)

olio di oliva

brodo di cottura della carne

pochetto di sale

Tutte le cose qui sopra vanno messe in una ciotolina e schiacciate sino ad essere perfettamente amalgamate, io ieri ho usato anche due striscioline di maionese e il miniprimer perché ero in ritardo.

Una volta che la carne sarà cotta e raffreddata va tagliata a fette sottili e la salsa a coprire, infilare tutto in frigorifero e lasciar li per un pochetto così la carne prende da tonno.

Il primo che dice che ci vanno anche i capperi e le acciughe nella salsa un po’ mi incazzo…che anche se l’agnello e altre cose non le mangio, esistono in questo mondo solo due elementi che non posso vedere neanche da distante e sì sono i capperi e le acciughe, se voi volete metterli fatelo ma sappiate che non verrò a mangiare il vitello dai piedi di balsa inventore di una storia falsa a casa vostra. Mai.

comunque ho i capelli arancioni, sono contenta.

Annunci

2 commenti

Archiviato in cose arancioni, una ricetta ogni tanto

2 risposte a “vitello tonnato.

  1. Uno spettacolo. Sotto tutti i punti di vista. Hare Kerika!

  2. “C’e’ il vitello con i piedi di balsa il vitello con i piedi di spugna e indovina chi c’e’?”

    E’ la prima cosa che ho pensato leggendo il titolo :^)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...