Se senti rumore di zoccoli.

Da una certa età e sino a una certa età, se una donna sessualmente attiva verifica un ritardo nel ciclo mestruale è piuttosto raro che pensi a una patologia, più facile che pensi a una gravidanza. A prescindere da qualsiasi precauzione. Non voglio generalizzare, allora lo dico che io penso così. Tutte le volte che mi è accaduto qualcosa di anomalo non ho mai pensato che si trattasse di una cosa necessariamente brutta. Quando mi trovo bloccata a letto dall’influenza per me è influenza, vuol dire che ho preso un virus, che il mio corpo è stressato, che ho bisogno di riposo, se ho febbre alta resto a letto sotto le coperte e prendo la giusta dose di tachipirina. Se ho l’influenza non penso a una malattia che si protrarrà più a lungo (bronchite?) neppure se ho le alte vie respiratorie chiuse, la tosse e il fischietto ai polmoni.

Tendo a pensare bene, a essere ottimista, se sento zoccoli è di sicuro un cavallo. Di solito ci prendo anche, ho ragione.

Poi ci sono le poche volte in cui ho torto, lo so che ho torto in realtà. Le volte in cui sento rumore di zoccoli e so che non sono cavalli, sono zebre e io però continuo a pensare “No, dai… non può essere che siano zebre, saranno cavalli” e passo dalla ragione del primo istinto, zebre, al torto del pensiero ottimista prevalente, cavalli. Quelle volte lì di solito sto zitta perché comunque ci spero che prima o poi la situazione si trasformi in cavallo.

Una volta, quando ero piccola e non solo bassa, mi ricordo di essere stata avvicinata da un ragazzino, piccolo come me e per nulla basso. Io avevo sentito e identificato quel rumore di zoccoli come zebra, poi mi sono detta che no, ma figuriamoci, è sicuramente cavallo. Niente di truce signori miei, niente patologie, parlo di tempi in cui si andava in discoteca di domenica pomeriggio con il documento falso. A volte ti avvicinava il ragazzino che era sicuramente cavallo, a volte si avvicinava la zebra. Niente contro le zebre, peraltro, solo che ho sempre preferito i cavalli. La zebra non era mai una manifestazione di intenti assoluta, la zebra ingannava, ti diceva che ti avvicinava per un motivo (fare amicizia, come diceva anche il cavallo) e poi però ti aveva avvicinata per altro. (Ma non importa se si tratta di una sigaretta, di un giretto fuori dalla discoteca, di farsi offrire un drink, del far finta di essere interessato a te e invece gli piaceva la tua amica, ora questo non è importante, quello che conta è la confusione nel sentire il rumore di zoccoli).

Mi capita anche oggi, identifico zoccoli di zebra in tempo zero, poi però è come se volessi sbagliarmi, anzi, io voglio proprio sbagliarmi. Sono ottimista, siamo nel quattordici non posso credere che sia zebra. Poi lo è sempre. Di solito diventa ancora più zebra ogni volta che dice “no, io mica intendevo così” “guarda che hai capito male” “non ci siamo, hai travisato il mio pensiero”, e io sono ancora lì a provare a crederci che sia cavallo.

Oggi siamo arrivati al massimo della mia tolleranza. Ho deciso di farmi un regalo. Smetto di essere ottimista e inizio ad essere una che si fida di se stessa. Fanculo l’ottimismo e fanculo l’accondiscendere. Fanculo le zebre travestite da cavalli, non avrò pietà, o vi palesate per quello che siete o non se ne esce. E’ il momento in cui dovete tirar fuori la vostra natura, evitate di interagire con me fingendo che sia per una cosa e poi invece è per un’altra, la considerazione che ho per voi non cambia, ci mettiamo solo più tempo e io non ho tempo da perdere, non ne ho più, non lo avete neppure voi. Smettete di fare il giro largo. Tirate fuori le gonadi e dichiaratevi, subito.

In allegato a questa riflessione la foto di me insieme a Imprint che è il cavallo di una mia amica.

imprint

(Avete notato che Imprint ha il cravattino sulla coda?)

 

Annunci

2 commenti

Archiviato in Uncategorized

2 risposte a “Se senti rumore di zoccoli.

  1. roberto

    Va bene le zebre, però fotoshoppare il cavallo con la cravatta non lo so, e comunque ci sono questi gnu che sono pure peggio, delle volte…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...