Archivi categoria: io ste cose non le so

Avevo una testata arancione.

Non cambiavo i colori del blog dal passaggio splinder – wordpress. Quando stavo su splinder ho cambiato le impostazioni del template solo una volta. Quando dico o penso splinder mi si apre uno spiffero sul cuoretto, sono nostalgica e sto invecchiando.

Spero che il celeste e le nuvole vi piacciano.

Io sono contenta ma il primo che viene a dirmi che il celeste del fondo non è come il celeste del nome che non è come il celeste della testata e che forse era meglio col bianco, lo chiudo dentro al template e butto via la chiave.

 

5 commenti

Archiviato in io ste cose non le so

in questi giorni di assenza credo di aver provato la vera fede. La fede di chi crede anche se non vede e anche se non ha prove, la fede che è fiducia in chi realmente non conosci.

è una cosa strana perché applicandola al quotidiano ho un sacco di fede, ad esempio con l’autista del pulmetto, io salgo e so che da quel momento in poi devo aver fede nella sua guida. metto via la mia testa, i miei movimenti, la mia guida, le mie consapevolezze e lascio fare a lui, guida lui e all’interno del pulmetto è lui che ha il comando e in un certo senso potere di vita o di morte nei confronti dei passeggeri. Il punto è che nel quotidiano e nel pulmetto non è mai successo che io abbia messo in dubbio in maniera grave le potenzialità di guida dell’autista perché alla fine il massimo che ho perso, quando ho perso qualcosa, sono stati dei minuti del mio tempo per una guida troppo lenta.

In questi giorni è stato un po’ diverso e non si trattava neppure di quotidianità, si trattava di altre cose. Non mi è neppure stato chiesto di aver fede, si trattava di una cosa sulla quale non avevo competenza, non potevo metter bocca. Si trattava di una cosa completamente al di fuori del mio controllo e sapere che puoi scendere dal pulmetto aiuta, io non potevo neppure scendere dalla giostra della mia vita, è la mia vita. Io potevo solo aspettare, aspettare e avere fede, aspettare e avere fiducia, anche quando i sintomi e i segni mi dicevano male io aspettavo e avevo fede e fiducia.

ho avuto fede verso delle persone che non conosco e per avere fede nei loro confronti mi sono messa a chiacchierare anche con la figura a mia immagine e somiglianza che ugualmente non conosco, ci chiacchieravo di notte in posti inimmaginabili, in delirio di stanchezza, vorrei dire che l’ho vista poi la figura a mia immagine e somiglianza, sarebbe una bella chiusa, invece non la ho vista ma so che a chiacchierarci anche se non l’ho vista, mi son sentita un po’ meno sola.

3 commenti

Archiviato in io ste cose non le so, la di lei vita, nebbia

ho visto avatar e mi è piaciuto ma.

io avrei voluto una trama diversa, una storia diversa. magari con meno elementi ricorrenti che in quel film si trova proprio tutto il ricorrente in assoluto (il buono classico, il cattico classico, la famiglia classica, le morti classiche e il finale classico) avrei voluto emozionarmi per la trama e invece mi sono emozionata per le location, per gli animali per le prese usb (secondo me quelle erano prese usb e chi lo ha visto ha capito di cosa parlo). Davvero la presa usb mi è sembrata una genialata.
Il 3d all’inizio del film ha fatto si che io non mangiassi i miei sei etti di caramelle (le caramelle al cinema sono a peso d’oro, ho speso più di caramelle che di biglietto, molto di più), era bellissimo ed era perfetto. E’ stato bello per tutto il tempo però mi infastidisco per non poter mettere a fuoco, se una cosa è sfuocata resta sfuocata e fine, se invece c’è un oggetto in sfondo che il regista decide che devi vedere lo vedi e basta, non può sfuggirti. Il mettere le cose in primo o secondo o sfuocato piano, mi è piaciuto perché un po’ ti rende partecipe di una magia, se non sei un osservatore attento (e io non lo sono) alcuni elementi ti sfuggono, lui me li ha messi li. così li ho visti tutti.
poi niente, io di solito non parlo di film e di libri, non mi sento a mio agio con le recensioni e non ricordo un nome uno di un protagonista, ma, consiglio di vederlo, in ogni caso lo consiglio, fosse anche solo per innamorarvi della location.

7 commenti

Archiviato in io ste cose non le so, la di lei vita, me piace, she said

ce l’ho sulla punta della lingua.

ieri su italia 1 han fatto un film
"merlino"
e io per tutto il film ho continuato a pretendere che il protagonista fosse indiana jones
"harrison ford"
poi ho capito che invece no.
allora ho detto che era robin hood il protagonista

"kevin costner"
poi alla fine mi è stato detto che il protagonista era jurassic park
il nome non lo ricordo.

9 commenti

Archiviato in io ste cose non le so, la di lei vita, marino, numb, shes

speriamo che sia femmina…

stavo pensando a sta cosa…io per dire, son tanto contenta di essere donna, oh ma tanto davvero.

che io così col mio essere donna nei miei periodi peggiori al massimo passo da stronza. hm, ok, passo ogni tanto nei periodi peggiori e periodi delineati da maggior fisicità fisiologica da stronza di merda (le malelingue dicon troia son sicura ma solo perchè non han sta grande padronanza di lessico)

fossi uomo invece, fossi uomo invece son sicura, io sarei un coglione, ve lo giuro.

a sto punto…persi per persi, a sto punto meglio stronza che coglione…

 

– in collegamento diretto con la mamma:

erika: mamma cosa fanno stasera in tv

mammadellacapitana: si es ai…ma no si es ai solito, si es ai in italian

erika: mamma…il ris de parma?

mammadellacapitana: eh brava, ti vedi che ti ga capio…

 

4 commenti

Archiviato in auronzo, bad days, bah shes an artist, bruno, cose rosa, giorni fantastici, i love them, il veneziano per te corsi di lin, io ste cose non le so, la di lei vita, lo dico ma senza convinzione, marino, me piace, milo, nebbia, nottifantastiche, numb, on duty, orione, pink ladies, questa la so, she said, she's a maniac, shes, una ricetta ogni tanto, unforgettable

ma avevo mai detto che…

a me piace tanto andare a pattinare al parco?!

 

n.d.erika. mai usati tanti tag in un post ma nel dubbio meglio abbondare…(che è una regola universale che vale per tutto a parte che per il sale, se metti troppo sale ce l’hai nel culo tipo, poi ti tocca metterti a sbucciare una cazzo di patata e buttarla nel composto salato anche lei)

 

enjoy

 

"hold me like you’ll never let me go…"

ultimissima ora: nel mentre che scrivevo questo post (ok controllavo il video) mi è arrivata una richiesta disperata di aiuto su come si dice "eravamo" in veneziano – si dice "gerimo" mi e ti gerimo insieme…mi e eo gerimo insieme – mi ti e eo gerimo insieme. Adoro le buone azioni.

1 Commento

Archiviato in bah shes an artist, cose rosa, giorni fantastici, i love them, il veneziano per te corsi di lin, io ste cose non le so, la di lei vita, lo dico ma senza convinzione, marino, me piace, nottifantastiche, numb, pink ladies, questa la so, she said, she's a maniac, shes, una ricetta ogni tanto, unforgettable

ma chi ve lo fa fare dico io…

è il segreto di pulcinella che io vedo chi passa di qua, insomma l’ho detto più volte io a voi che mi leggete vi vedo tutti e non solo vi vedo, vi guardo pure e vi scruto con attenzione.

(leihhh non dhorme maiiiiihhhhh)

Insomma…parliamo un secondo di quelli che arrivano col telefonetto? no dai davvero parliamone che io gradisco  tutte le cose e tollero tutte le cose (o quasi tutte le cose), ma mica capisco tutte le cose e davvero, a voi… a voi che arrivate col telefonetto, proprio voi…ma chi ve lo fa fare a voi di sbattervi il cazzo e di arrivare con il telefonetto? io se avessi il telefonetto che si vede come sul mac non mi andrei a leggere, non mi cagherei proprio di striscio son sicura.

…insomma ste cose un pochetto mi perplimono.

 

n.d.erika.: ecco adesso che ho sputato sta roba ci son due ipotesi di fatti che accadranno – ipotesi 1) Ma chi ti legge stronza e non li vedrò mai più – ipotesi b) solo telefonetti a farmi visita (ma questa è un po’ drastica ammetto) – ipotesi 3) si torna alle origini. una volta o l’altra quando ho tempo e soprattutto voglia parliamo anche di chi arriva con cavallo_cazzo – mi _son_spaccata_l’osso_sacro – e trombare_con_la_nonna che qui voglio dire…minchia complimenti!

6 commenti

Archiviato in io ste cose non le so, numb, she said