Archivi categoria: pink ladies

speriamo che sia femmina…

stavo pensando a sta cosa…io per dire, son tanto contenta di essere donna, oh ma tanto davvero.

che io così col mio essere donna nei miei periodi peggiori al massimo passo da stronza. hm, ok, passo ogni tanto nei periodi peggiori e periodi delineati da maggior fisicità fisiologica da stronza di merda (le malelingue dicon troia son sicura ma solo perchè non han sta grande padronanza di lessico)

fossi uomo invece, fossi uomo invece son sicura, io sarei un coglione, ve lo giuro.

a sto punto…persi per persi, a sto punto meglio stronza che coglione…

 

– in collegamento diretto con la mamma:

erika: mamma cosa fanno stasera in tv

mammadellacapitana: si es ai…ma no si es ai solito, si es ai in italian

erika: mamma…il ris de parma?

mammadellacapitana: eh brava, ti vedi che ti ga capio…

 

Annunci

4 commenti

Archiviato in auronzo, bad days, bah shes an artist, bruno, cose rosa, giorni fantastici, i love them, il veneziano per te corsi di lin, io ste cose non le so, la di lei vita, lo dico ma senza convinzione, marino, me piace, milo, nebbia, nottifantastiche, numb, on duty, orione, pink ladies, questa la so, she said, she's a maniac, shes, una ricetta ogni tanto, unforgettable

ma avevo mai detto che…

a me piace tanto andare a pattinare al parco?!

 

n.d.erika. mai usati tanti tag in un post ma nel dubbio meglio abbondare…(che è una regola universale che vale per tutto a parte che per il sale, se metti troppo sale ce l’hai nel culo tipo, poi ti tocca metterti a sbucciare una cazzo di patata e buttarla nel composto salato anche lei)

 

enjoy

 

"hold me like you’ll never let me go…"

ultimissima ora: nel mentre che scrivevo questo post (ok controllavo il video) mi è arrivata una richiesta disperata di aiuto su come si dice "eravamo" in veneziano – si dice "gerimo" mi e ti gerimo insieme…mi e eo gerimo insieme – mi ti e eo gerimo insieme. Adoro le buone azioni.

1 Commento

Archiviato in bah shes an artist, cose rosa, giorni fantastici, i love them, il veneziano per te corsi di lin, io ste cose non le so, la di lei vita, lo dico ma senza convinzione, marino, me piace, nottifantastiche, numb, pink ladies, questa la so, she said, she's a maniac, shes, una ricetta ogni tanto, unforgettable

be careful what you wish for ‘cause you just might get it

e niente insomma…mi faceva allegria che qui in ufficio fa freddo e se non ci smuove un pochino ci vien la miseria addosso.

(se lo vedete con le scritte sopra basta passare il mouse  sull bottone in basso a dx della finestra – sotto alla e di tube – e selezionare il bottone in basso, la scritta va via come per capitanalamagamagia)

Lascia un commento

Archiviato in on duty, pink ladies, questa la so, she said

la chiave di lettura della vita (la mia) è un tag

I mille pensieri, le aspettative, le immagini create dalla testa…son stronzate. L’immaginazione è una stronza e io ne ho tanta, tantissima. Non dico che mi sono preparata una vita all’incontro che non è vero ma ci ho pensato tutte le volte che sapevo di essere in luoghi dove avrei potuto incrociarti, anche per sbaglio.

Ieri no

Ieri uscivo dalla farmacia, ieri infilavo i soldi nel portafoglio, ieri non ero preparata. E ieri è successo di incontrarti.

Le aspettative, i mille pensieri il farei così il farei colà…son stronzate. Non è vero che si farà così, è una grande balla, la verità è che non si sa come ci si comporta, non lo si sa mai. Può capitare anche di sentire la tua voce che dice "ciao", può capitare di starci male tutta la sera invece che di sentirti un leone come credevi…può capitare tutto, quindi non bisogna pensarci.

I mille pensieri, le aspettative, le immagini create dalla testa…son stronzate.

 

4 commenti

Archiviato in pink ladies

Oggi che succede?

Ieri sera non sono andata a correre. Non ci sono andata perchè avevo le Pinks a cena e a dopo cena e prima di cena, quindi non solo non sono andata a correre ma ho strafumato e mi è stata destinata una diavola con patate fritte, oltre che chiaramente l’aperitivo e la coca cola per buttar giù tutto. Oggi sto già facendo i conti con Milo (il pooooonfo) che è tutto felice e soprattutto grande. E’ così grande che mi vien voglia di cantargli "non lasciarmi mai più…sei grande grande grande e come te sei grande solamente tu!" ma non lo faccio.

Ho la voce di Amanda Lear e non è bello.

Ho pensato che non devo sentirmi in colpa per i miei stravizi, per la poca voglia, per  il fatto di aver parlato male del viaggio di lavoro pagato dal mio capo. Alla fine…io sono brava, sono ordinata, sono pulita, a volte son profumata…ma sono cattiva! son Capitan Uncino eccheccazzo.

 

20 commenti

Archiviato in la di lei vita, pink ladies, questa la so, she's a maniac

Meredith Grey

La tirannia del sentimento colpisce e stai sicura che ella ferisce bene e a fondo!

Hai tantissima voglia di vedere la tua amica del cuore, si perchè esistono lo sanno tutti, non vedi l’ora di farle uno spritz, un caffè, mostrarle le tue unghie i tuoi capelli, raccontarle delle tue ferie. La tua amica del cuore arriva e tu hai la faccia come il culo perchè non riesci mai a portare l’emozione fuori, te la tieni li a farsi i cazzi suoi nella tua testa, non puoi dire alla tua amica che le vuoi bene con parole tue, puoi solo farle un regalino e dire che lo hai preso per tutti, non le dirai mai che anche se lo hai preso a tutti per avere la tua via di fuga quel regalino era proprio per lei, l’unica a cui hai pensato davvero quando lo hai visto.

La mamma ti telefona per sapere come va e fai finta di ascoltarla anche se hai l’orecchio sul tg, le rispondi secca piuttosto che dirle che la chiami tra 5 minuti, fai così perchè non vuoi il momento di tranquillità per parlare con lei, preferisci far in fretta e furia, basta sentirsi, vive entrambe! Non serve che tu le dica che quel giorno sei stata male. Hai paura che lei quel giorno sia stata male.

Ti manca il tuo cuore e non vedi l’ora di tornartene a casa per abbracciarlo, per stringerlo per dirgli che lo ami con tutta te stessa. La  realtà è che poi arrivi a casa, lui è li che ti aspetta, ti accorgi che respira e sta in piedi, quindi supponi che non abbia avuto un incidente stradale catastrofico; Non lo abbracci, non lo stringi, non gli dici che lo ami. Lo saluti appena e schivi un bacio, gli vomiti addosso la rabbia della giornata lavorativa, l’incazzatura con sua madre, l’incazzatura con la tua, la preoccupazione per tuo fratello! Domani passerai l’intera giornata a sperare che non abbia avuto un incidente stradale, domani gli dirai che lo ami.

Meredith Grey lascia la mano prima che tu lasci la sua, si difende! Se cadi nel vuoto ti fai male ed è colpa tua, se ti fanno cadere nel vuoto ti fai male e ti hanno fatto del male e la paura di sentire ancora male ti seguirà tutta la vita! Io Meredith Grey la capisco, io son più Meredith Grey che Giacomo Uncino!

http://it.wikipedia.org/wiki/Meredith_Grey

 

 

 

9 commenti

Archiviato in la di lei vita, nebbia, pink ladies

Io C’ero…

e son stata proprio felice di esserci, mi son piaciute un sacco di cose,

ho adorato entrare nella saletta e quell’uomo che io non conosco mi ha dato un bellissimo benvenuto! Mi è piaciuto tanto quel ragazzo che faceva il figlio del Signor Trou "Totò" che poi era lo stesso che ha fatto la parte di "Medard" in "Quel Porco di Medard"…e non solo, ha fatto anche l’albero de "il bacio". MI è piaciuta tantissimo "La baronessa" dell "Onore dei Brossarbourg" e lei, lei aveva quella dizione, quella calata…brava brava brava…e Otello, si ha recitato anche Otello.

Mi son piaciuti tutti, questa è la verità, ho riso tantissimo e avevo bisogno di ridere e le mie amiche Pink ridevano con me, a volte ridevano anche più forte…a volte ridevamo fortissimo e a fianco a noi c’erano i Signori Poli e ridevano fortissimo anche loro…e se io dicevo "questa ragazza è un mito" dopo dieci secondi tutti dicevano "quella ragazza è un mito"

La sala era così piccola e così discreta che sembrava che si rivolgessero a me. Ho adorato quel teatro, quei ragazzi che vedo passare sotto al mio ufficio di colpo trasformati in personaggi del 900, gli applausi, il caldo, le risate, la sigaretta di approvazione tra un tempo e l’altro…la pioggia a Venezia e quel gatto che è caduto nel canale però poi lo hanno tirato fuori.

Benvenuti al Teatro l’Avogaria!

http://www.teatroavogaria.it/

 

30 commenti

Archiviato in cose rosa, giorni fantastici, pink ladies